Paura del parto, ecco come prepararsi senza ansie e timori

Se avete paura del parto, potete consolarvi: non siete le sole, non siete le prime e non sarete nemmeno le ultime a provare timori per l’evento che, dopo i nove mesi di gravidanza, vi porterà a dare alla luce il vostro bambino. Ecco come affrontare al meglio la paura del parto.

La tocofobia, più comunemente definita come la paura del parto, è un timore che accomuna moltissime donne che si preparano a dare alla luce il loro bambino. E’ un timore che colpisce soprattutto le donne alla loro prima gravidanza, ma anche tutte quelle mamme che hanno avuto un precedente parto piuttosto difficile, complicato e magari pericoloso.

Provare timori e paure, persino ansia, è assolutamente naturale e normale, soprattutto se non si arriva a questo importante momento con la giusta preparazione. Seguire i corsi pre parto, anche se abbiamo già un figlio, è davvero molto importante, perché ci aiuta non solo a condividere con altre donne e con esperti le nostre preoccupazioni, ma ci permette di capire fino in fondo quello che avverrà. Se è la paura di non sapere cosa accadrà e come reagiremo a provocare ansia, un corso di questo tipo può allontanare ogni timore e ogni dubbio.

Al momento del parto bisogna arrivare preparate, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista mentale: vi consiglio caldamente di evitare di guardare tutti quei programmi televisivi che fanno vedere nascite in diretta, perché spesso possono alimentare ancora di più le nostre ansie e le nostre paure che qualcosa possa andare storto, così come è bene rivolgersi a degli esperti per ogni dubbio.

Scegliet un medico del quale vi fidate e che potrà essere con voi a rassicurarvi nel momento del parto. E se è il dolore a farvi paura, sappiate che oggi esistono tantissime tecniche che possono aiutarci a non soffrire troppo. Informatevi presso l’ospedale che avete scelto per il parto. E se l’ansia è troppo elevata, non abbiate timore di chiedere aiuto ad uno psicologo, che saprà affrontare alla radice le vostre preccupazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *